Seleziona una pagina

Geminoid, il clone umanoide dello scienziato Hiroshi Ishiguro arriva in Italia. Una delle creazioni più sorprendenti  e inquietanti della storia sarà presente a Roma il 24 novembre, presso l’Auditorium Macro. Ishiguro si presenterà insieme al suo alter ego robotico in occasione dell’evento organizzato nell’ambito di Romaeuropa Festival, in collaborazione con l’Ambasciata del Giappone. L’inventore sostiene che gli androidi saranno parte della nostra società.

”Una nuova specie, non ha senso averne paura”

Geminoid è un robot umanoide creato dallo scienziato giapponese Hiroshi Ishiguro a sua immagine e somiglianza.  Classe 1964, Hiroshi Ishiguro, insegna al dipartimento di intelligenza artificiale all’Università di Osaka ed è convinto che gli androidi saranno presto parte integranti della nostra società. Sono ormai sedici anni che lo scienziato lavora sugli androidi. Non dei semplici robot, ma delle vere e proprie copie di esseri umani. Dei cloni, insomma. La sua creazione più riuscita si chiama Geminoid, ed è l’alter ego sintetico di Ishiguro stesso.

Il clone verrà presentato per la prima volta in Italia il 24 novembre, all’Auditorium Macro presso il Museo di Arte contemporanea di Roma. L’occasione sarà l’evento organizzato nell’ambito di Romaeuropa Festival, in collaborazione con l’Ambasciata del Giappone.

Si chiama Geminoid HI-4, perché è la quarta versione dell’androide. Ishiguro, infatti, ne ha sviluppati di diversi per adattarli al suo aspetto mentre invecchiava. La copia è curata fin nei più piccoli dettagli, tanto da rendere difficile distinguere l’Ishiguro in carne ed ossa da quello sintetico.

Dotato di un viso in silicone ultra morbido e dei capelli veri del suo ideatore, Geminoid può girare e inclinare la testa, dialogare e muovere le labbra in sincronia con le parole. Al momento è sprovvisto di arti inferiori che gli consentano di camminare. Il prototipo sarà la base per i futuri studi sulle interazioni uomo-macchina.

“Non ho mai voluto costruire semplicemente una macchina capace di svolgere il nostro lavoro – ha dichiarato Hiroshi Ishiguro – ma qualcosa che ci somigliasse a tal punto da entrare in contatto con noi in maniera empatica. Gli androidi sono degli specchi di noi stessi. Sono la chiave per aiutarci a comprendere meglio la nostra natura”.

 

http://www.rainews.it/dl/rainews/media/Hiroshi-Ishiguro-presenta-in-Italia-Geminoid-il-suo-clone-robot-8d21df31-ccbf-4010-b35b-6e904aee35da.html#foto-1

http://www.repubblica.it/economia/affari-e-finanza/2016/11/21/news/ecco_lumanoide_copia_fedele_del_creatore-152515900/

http://www.repubblica.it/tecnologia/2016/11/21/news/hiroshi_ishiguro_il_mio_gemello_androide-152498178/

http://www.geminoid.jp/en/index.html

https://it.wikipedia.org/wiki/Hiroshi_Ishiguro

https://it.wikipedia.org/wiki/Universit%C3%A0_di_Osaka

http://www.museomacro.org/

http://romaeuropa.net/

http://www.it.emb-japan.go.jp/