Seleziona una pagina

Yape, il robottino tutto italiano che adora fare le consegne. E’ il primo veicolo autonomo completamente elettrico progettato per le consegne in città. I test su strada cominceranno a Settembre 2017 e l’obiettivo è quello di cominciare con le prime flotte operative per le delivery già a Dicembre. Agile, leggero e intelligente. Sa attraversare la strada da solo e… non inquina!

Yape viaggia a 6 km all’ora su marciapiede e 20 km all’ora su pista ciclabile.

Yape è un piccolo robot che presto vedremo in giro per le nostre città mentre sfreccia per consegnarci direttamente a casa la merce ordinata su Internet. Yape è l’acronimo di ‘Your Autonomous Pony Express’. E’ il primo veicolo autonomo elettrico progettato e creato interamente in Italia. Viaggia su due ruote raggiungendo velocità di 20 km orari quando percorre le piste ciclabili. E’ agile, intelligente e super leggero, ma soprattutto: non inquina. Un’invenzione spettacolare che non poteva mancare nei moderni contesti urbani.

Ad illustrare le potenzialità del veicolo autonomo ci ha pensato Vincenzo Russi, Ceo di e-Novia, l’azienda italiana che ha progettato e realizzato Yape: “Le abilità di self driving di YAPE consentono al veicolo una elevata mobilità negli attuali contesti urbani dove sono necessarie capacità di adattamento alle mutevoli condizioni di traffico e flussi cittadini. Yape utilizza una rappresentazione digitale aumentata della città alla quale contribuisce l’incessante concorso dei dati e delle informazioni elaborate dagli algoritmi di intelligenza artificiale. […] E’ in grado di offrire un servizio di delivery adeguato ai contesti urbani moderni e alle richieste e ai bisogni di un’utenza sempre più esigente”.

Il robot è stato progettato per muoversi agilmente negli spazi stretti e irregolari delle città italiane ed europee, su marciapiede o su pista ciclabile. Ha un’autonomia di circo 80 km, fondamentale per non ‘scaricarsi’ a metà consegna. Yape viaggia su due ruote dotate di motori elettrici autonomi che minimizzano il consumo di energia massimizzando l’agilità di movimento. Può ruotare sul posto e superare con facilità gli ostacoli più comuni in città, come le rotaie dei tram o i bordi dei marciapiedi. Sa anche attraversare la strada da solo.

Come fa a muoversi in completa autonomia? Utilizza una rappresentazione digitale aumentata dello spazio urbano, coadiuvata da sensori, videocamere e laser installati sopra al robot. Yape è in grado di interagire con i sensori presenti in città, come quelli installati ai semafori che monitorano il traffico. La mappa è in costante aggiornamento e permette al veicolo di rilevare in tempo reale incidenti, buche, cantieri e altri ostacoli o rischi lungo il percorso. Yape mappa in continuazione la città, fornendo dati aggiornati e dettagliati. Un giorno questi dati potranno essere utilizzati per migliorare i servizi urbani, monitorando ad esempio la viabilità sulle piste ciclabili. Un giorno questi dati potranno anche essere sfruttati per migliorare la viabilità in città.

L’ecosistema YAPE è fondato su una piattaforma di gestione grazie alla quale un utente, tramite una app, può chiamare il robot sotto casa propria e affidare il pacchetto da consegnare al suo vano porta pacchi – con capacità di carico fino a 70 chilogrammi – indicando nella app il destinatario: l’indirizzo potrà essere determinato anche in modo automatico dalla posizione GPS del destinatario registrato alla piattaforma. Il robot può muoversi sui marciapiedi e attraversare la strada per portare a termine la consegna in tempi record senza inquinare. Ma non finisce qui. Yape è dotato di un dispositivo per il riconoscimento facciale. In questo modo il veicolo elettrico si accerta di aver raggiunto effettivamente la persona giusta, prima di aprire il vano contenente il pacco da consegnare.

I primi test su strada partiranno a settembre 2017, anche se ancora non è stato dichiarato in quale città verranno svolti i test. Certamente non in quelle più caotiche. A partire da dicembre 2017 verrà già liberata per le strade la prima flotta di veicoli autonomi. Effettueranno le consegne a domicilio in città in collaborazione con un importante operatore di e-commerce.

E’ chiaro che il futuro delle consegne è nei veicoli a guida autonoma.

 

https://www.tomshw.it/yape-primo-pony-express-robot-tutto-italiano-86941

Yape, il robottino italiano a guida autonoma che fa le consegne