Seleziona una pagina

IoT, un mercato che nel 2022 varrà 1,2 trilioni di dollari. Queste le stime dell’ultima release della Guida International Data Corporation. L’industria manifatturiera e il settore del trasporto supereranno i 150 miliardi di dollari di spesa nel 2022, rendendo questi i due maggiori settori di spesa per l’internet of things. In Italia è un mercato che cresce del 20% ogni anno.

L’International Data Corporation (IDC) ha annunciato pochi giorni fa la pubblicazione della più aggiornata guida mondiale sull’Internet of Things, la “IDC Worldwide Internet of Things Spending Guide”. Secondo le stime più recenti la spesa globale è destinata a crescere ad un tasso medio annuo di crescita composita (CAGR) del 13,6% nel periodo di previsione 2017-2022 e raggiungere 1,2 trilioni di dollari nel 2022.

La guida si basa su studi di utilizzo dell’IoT nelle diverse aree di investimento a livello mondiale di ben 53 paesi. Secondo le statistiche il settore consumer guiderà la crescita delle spese in ambito IoT con un CAGR mondiale del 19%, seguito dalle compagnie assicurative e dei fornitori di servizi sanitari. Dal punto di vista della spesa totale, l’industria manifatturiera e il settore del trasporto supereranno i 150 miliardi di dollari di spesa nel 2022, rendendo questi i due maggiori settori di spesa per l’IoT.

Dal report emerge che anche l’Italia segue il flusso mondiale di questo fenomeno. La spesa IoT in Italia, infatti, supererà i 35 miliardi di dollari nel 2020, con un tasso medio annuo di crescita composita (CAGR) nel quinquennio 2015-2020 del 19,5%.

L’IDC ipotizza anche che le soluzioni Vehicle-to-vehicle (V2V) and Vehicle-to-Infrastructure (V2I) registreranno la crescita più rapida della spesa (29% CAGR) nel periodo di previsione, seguita dalla gestione del traffico e dalla sicurezza dei veicoli connessi.

La guida ha anche inquadrato i fenomeni emergenti che maggiormente saranno in grado di impattare il mercato dell’IoT: l’avvento delle piattaforme open data, la convergenza tra analytics e IoT ed il cosiddetto “Edge”, per il quale entro il 2019, almeno il 40% dei dati IoT creati da oggetti intelligenti sarà memorizzato, processato e analizzato.

 

https://www.corrierecomunicazioni.it/industria-4-0/la-manifattura-spinge-l-iot-nel-2020-spesa-globale-a-1300-mld-di/

https://www.idc.com/getdoc.jsp?containerId=WC20170111

https://www.idc.com/getdoc.jsp?containerId=IDC_P29475